Panchina con Forrest Gump
Panchina con Forrest Gump

Universo Corto a Tuscania: una piccola città votata al grande cinema

Un festival itinerante di cortometraggi internazionale per la 13^ edizione si sposta in un piccolo centro della Maremma laziale, attirando opere eterogenee con ospiti di rilevanza assoluta per la Settima Arte. La piccola Tuscania conferma la sua vocazione artistica e sorprendentemente cosmopolita compiendo un ulteriore passo in avanti. E quest’anno in qualità di Presidente di Giuria c’è Robert Zemeckis, un regista di fama internazionale sbarcato dagli Stati Uniti d’America, i cui capolavori sono nel cuore degli spettatori di tutto il mondo.

L’Associazione Culturale “Giovani Persone” di Pisa ha creato un festival di cortometraggi, rivolto a nuovi autori cinematografici che muovono i primi passi con opere non superiori ai 15 minuti che dal 2004 gira per le città italiane. Nel 2019 ha fatto tappa in questo piccolo, ma bellissimo centro, che vanta una grande tradizione cinematografica: la suggestione dei suoi paesaggi e delle sue architetture storiche ha ispirato molti grandi autori che hanno fatto la Storia del cinema come Mario Monicelli, Orson Welles, Andrej Tarkowsky, Pier Pasolo Pasolini e Franco Zeffirelli.

Il tavolo con i relatori della conferenza stampa

Dal 2018 il direttore è il regista bolognese specializzato in pubblicità e videoclip Ambrogio Logiudice, noto anche per alcune fiction televisive di successo come Ovunque tu sia.

Piazza Franco Basile, vista dal giardino ospitante la conferenza stampa

Una panchina posta accanto ai relatori della rassegna stampa, tra cui spiccano i carinissimi organizzatori e un entusiasta sindaco Bertolacci, fornisce un importante indizio su quello che sarà uno dei motivi di attrazione di questa edizione: la sagoma raffigurante in stile fumetto un giovane uomo dai capelli corti stile militare seduto con lo sguardo perso nel vuoto. Si tratta dell’iconico Forrest Gump, “l’idiota vincente” dal volto di Tom Hanks protagonista dell’omonimo film, liberamente ispirato dal romanzo di Winston Groom e portato sulla pellicola da uno dei più grandi registi viventi. Perché è proprio Robert Zemeckis, regista  che  tempo siede nell’Olimpo dei grandi di Hollywood, l’autore della versione cinematografica della celebre pellicola e di molti altri film di grande successo come la trilogia di Ritorno al Futuro, Chi ha incastrato Roger Rabbit e Cast Away, insieme alla moglie attrice Leslie Harter. non molti sanno che le ascendenze del rande cineasta sono per metà lituane come, indica il cognome, ma per metà anche italiane, da Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno nelle Marche: qualcosa c’era che lo riconduceva a queste latitudini.

“Alessandra D’Averi, che ha scelto di diventare nostra concittadina propose di portare il festival nella nostra città a me e alla consigliera con delega alla cultura Stefania Nicolosi. Non abbiamo esitato un attimo: si trattava di una straordinaria occasione per crescere e per alimentare un filone culturale che deve continuare a caratterizzarci” spiega primo cittadino tuscanese.

Il pubblico e la stampa durante la conferenza

Il linguaggio del cortometraggio nella sua immediatezza non è il più facile da veicolare, ma allo stesso tempo sappiamo che Tuscania è pronta a recepire.  I corti saranno 22 proiettati in 3 serate. i premi saranno ben sette e il pubblico sarà direttamente coinvolto in uno apposito, dove per esprimere la propria preferenza dovrà essere necessario assistere alla proiezione di tutte le opere. Alcuni cortometraggi hanno già partecipato a festival internazionali importantissimi, ma sono le storie come quella del regista iraniano che riesce, con nulla in tasca, e faticando a raccogliere fondi,  a dare comunque corpo alla sua opera a caratterizzare un evento come questo” spiegano gli organizzatori.

Ingresso del Parco Torre di Lavello

Ingresso del Parco Torre di Lavello

Coraggiosa la scelta controcorrente di proiettare i film in lingua originale, decisione di ampio respiro e in antitesi rispetto le politiche distributive italiane che prediligono opere doppiate e che danno la possibilità di vederle in lingua originale sono in alcuni cinema di grandi città. “Si tratta di storie ugualmente ben comprensibili, un po’ come dei fumetti” rassicurano i responsabili.

Da sinistra l'attrice Leslie Harter e il regista Robert Zemeckis, presidenti di giuria

Da sinistra l’attrice Leslie Harter e il regista Robert Zemeckis, presidenti di giuria

Un soffice e allo stesso tempo robusto micione si aggira per il buffet alla fine della conferenza stampa con il fare sornione tipico dei felini, come un visitatore curioso che non vuole rinunciare a mantenere un alone di mistero su di sé. Fiocca, questo è il suo nome in quanto si tratta di una “lei” dalla pelliccia candida come la neve, sembra essere la mascotte perfetta per un evento così.

Fiocca

Fiocca

Universo Corto avrà luogo nella suggestiva cornice nel Parco di Torre del Lavello dal 24 al 27 luglio 2019. Chi intende partecipare nelle vesti di membro della giuria popolare può inviare la sua adesione per mezzo di email. Per ogni informazione consultare il sito ufficiale https://www.universocorto.org.

Panchina con Forrest Gump

Panchina con Forrest Gump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *