Aleksandar Stamenov
Aleksandar Stamenov artista di Tuscania

Aleksandar Stamenov, la perfezione sta nell’errore

Aleksandar Stamenov esprime la sua arte con la sincera umanità di un tratto non sempre pulito, non sempre perfetto.

“La perfezione passa attraverso la ricerca e quella ricerca comporta una continua correzione degli errori.

Errori che su un’opera devono a mio avviso restare visibili”.

Come un individuo, nel suo percorso evolutivo e di crescita, è il risultato dei suoi sbagli e di quegli errori che lo hanno portato ad essere un uomo, così l’arte di Stamenov è continua correzione del tratto. Un continuo aggiustamento delle linee che va crescendo fino ad opera perfetta.

Se si osservano i quadri dei celebri esponenti del Puntinismo, il cui principale esponente fu Georges Seurat, si nota subito come Aleksandar Stamenov abbia trasposto sulle sue tele il concetto Post-Impressionista del punto attraverso la forma del tratto. Un tratto il quale, sporco, si pianta sulla tela. Impreciso, sferza in curve dai connotati aspri per poi coniugarsi ad altri tratti in una splendida figura carica di tensione emotiva. Se l’impressionismo fu l’intento di esprimere emozioni all’aria aperta con una forma d’arte semplice e incentrata sui colori, il puntinismo ne ha evoluto la concezione soffermandosi sull’idea che i tratti, le forme, i colori, sono un tutt’uno sulla tela dell’artista. La visione d’insieme crea l’opera e non il singolo colore, o tratto, o punto di pennello.

I puntinisti portano questo concetto all’estremo a mezzo di una dimostrazione empirica. Creano splendide rappresentazioni pittoriche esasperandone visivamente i punti di colore che le compongono.

Se Georges Seurat e Paul Signac, nella seconda metà dell’800, spinsero all’estremo il concetto del particolare che porta, nella sua visione d’insieme, all’universalità di un’opera compiuta, e lo fecero sfruttando il punto di colore, Aleksandar Stamenov lo riprende cogliendo nell’errore del tratto quell’elemento imprescindibile per vedere nell’insieme un’opera finita.

“Correggere l’errore in un’opera è come pensare

di essere diventati degli uomini o delle donne senza aver mai sbagliato,

in quest’ottica la vita non avrebbe senso”.

Da questa visione prende corpo la pittura e la scultura di un giovane artista che, dell’arte, ha saputo cogliere un fascino originale traducendolo nella consapevolezza matura di un complesso di errori. Attraverso la continua correzione del tratto si giunge a compiuta forma espressiva.

Espressione e movimento nelle opere di Aleksandar Stamenov sono date dalla continua correzione di un tratto imperfetto perché è proprio quell’errore visibile e, rimarcato in continue rettifiche, a conferire movimento e dinamismo alla tela o al materiale scultoreo. Il fascino delle opere di Aleksandar Stamenov è lo stesso che potrebbe suscitare, per un giovane lettore, il personaggio di Zorro o di Robin Hood. Briganti che infrangono la legge costituita per dare corpo ad un’idea più alta di giustizia, che vada contro la legge istituzionalizzata, ma verso l’interesse reale e condiviso da tutti.

Aleksandar Stamenov rompe

le barriere della perfezione artistica

ricercandole nell’originalità

di un postmodernismo onesto.

L’onestà delle sue opere è l’onestà dell’individuo medio che osserva i risultati raggiunti nella propria vita riconoscendovi sbagli ed errori. Se l’errore ci porta a crescere, nelle opere di Aleksandar Stamenov porta l’osservatore a confrontarsi con forme espressive e a tratti aggressive. Un impeto romantico, un fascino rinnegato nella schiettezza di una vita travagliata che si esprime a mezzo del tratto. Se il poeta e scrittore statunitense Henry Charles “Hank” Bukowski fosse stato noto per aver realizzato opere pittoriche e scultoree vi avremmo visto i tratti e l’originalità espressiva che ammiriamo in Stamenov.

Il fascino non è nella perfezione della forma, bensì nella schiettezza dell’osservatore che quando vi si imbatte riconosce se stesso in quella forma. Riconosce i suoi errori, i suoi sbagli, le evoluzioni di questi nel lungo cammino di crescita. Ogni osservatore che si imbatte nelle opere di Aleksandar Stamenov non può non restarne rapito poiché in esse rivede la sua intera vita, cominciando proprio dagli sbagli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *