Bacco Tours, un ponte tra la Tuscia e in Nord Europa

Bacco era il dio del vino dell’irrazionalità e dell’ebrezza, un po’ quello che si aspettano i turisti che dal Nord Europa scendono in Italia: abbandonare la decisione e la razionalità tipiche delle loro ordinate società e riscoprire i piaceri di una vita rilassante che può offrire un soggiorno nella Penisola, assaggiando le prelibatezza della sua enogastronomia come il vino. Proprio quello che si prefigge di fare l’agenzia di viaggi e tour operator Bacco Tours.

Erik Cutigni è un ragazzo italo-svedese con radici a San Martino al Cimino, mentre nel ramo scandinavo suoi familiari parteciparono agli scavi voluti da Re di Svezia Gustavo Adolfo VI nel Viterbese, è laureato in Lingue per il Turismo all’Università della Tuscia. Una volta terminato gli studi ha intrapreso un percorso professionale come guida turistica e operatore per il turismo, sfruttando le sue passioni per l’arte e la Storia, fondando l’agenzia Bacco Tours. L’obiettivo è proporre viaggi esperienziali divertenti allo stesso tempo di spessore ai turisti,  scegliendo pacchetti di viaggio già assemblati e elaborandone di proprio basandosi sulla sua conoscenza diretta sui luoghi e sul tipo di persone che intercettano mia sua offerta. “Almeno a Roma, ma questo discorso può benissimo allargarsi a gran parte del resto d’Italia, il 30% del turismo è di tipo gastronomico – Spiega Erik, facendo leva sulla fama di cui gode la cucina italiana – per cui propongo degli itinerari incentrati su chi vuole scoprire le prelibatezza della nostra tradizione culinaria con tour enogastronomici per assaggiare in loco i piatti tipici delle tradizioni locali, lezioni di cucina, sia con cuochi esperti sia sperimentando la cucina casereccia, imparando a preparare anche piatti semplici ma gustosi, come una carbonara ma un’amatriciana, che per uno straniero non sono sicuramente una pietanza di tutti i giorni. Sono previste anche degustazioni dei vini e visite alle feste e sagre paesane, interessanti per i visitatori non solo per avvicinarsi alla cucina tipica del luogo visitato, ma anche per sperimentare la vera vita vissuta dei piccoli centri italiani, entrando così a contatto con le particolarità di una cultura che incuriosisce non pochi turisti”.

Erik Cutigni mostra come apparivano i gladiatori

Erik Cutigni mostra come apparivano i gladiatori

I target individuati sono tre: “arte e cultura”, “cibo e vino” e “mare e natura”, elementi che si trovano con qualità e abbondanza nel Viterbese, infatti il pacchetto “Etruschi e Vino” è stato concepito per esaltarne le potenzialità attrattive. Sono previsti otto giorni di attività con visite guidate a Civita di Bagnoregio, Bolsena, Roma, luogo di arrivo dei visitatori, le necropoli di Cerveteri e Tarquinia, che sono patrimoni Unesco, e Viterbo, con il museo etrusco di Rocca Albornoz, conio secondo piano dedicato ai ritrovamenti della spedizione di re Gustavo Adolfo cnelle aree di Acquarossa e San Giovenale. Nel giro turistico sono previste anche degustazioni dei vino locali e visite alle aziende agricole produttrici di olio e ai caseifici.

Durante una spiegazione

Durante una spiegazione

Erik, oltre all’italiano, parla inglese, tedesco e svedese, così la sua clientela è costituita in maggioranza da tedeschi e svedesi, e sono gli stessi visitatori a spiegare il perché la Tuscia per loro è una terra ricca di attrazioni, meta ideale per una vacanza: “I luoghi da visitare sono tanti, grazie alla posizione strategica si possono fare tour di un giorno a Roma o in Toscana, ci sono bellissimi giardini da visitare come quello di Villa Lante, mentre anche quello di Villa d’Este è facilmente raggiungibile. Il tempo è spesso bello e per mangiare bene c’è solo l’imbarazzo della scelta: i ristoranti e le norcinerie sono numerosissimi. Per chi non si vuole muovere, si può assaporare la vita rurale dei piccoli centri anche ascoltandone i rumori, mentre non mancano i panorami da mozzare il fiato anche restando seduti sulla propria terrazza”.

Il messaggio che la Tuscia è una un territorio per tutti: quasi ogni fascia turistica può trovarvi motivi di interesse per le più svariate esigenze: quel di cui abbisogna sono dei ponti, come quello che sta costruendo Bacco Tours con il suo lavoro mirato sul territorio.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *